Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
19 novembre 2009 4 19 /11 /novembre /2009 10:01









Moyse Charas, celebre farmacista del XVII secolo, (Uzès 1619/ Parigi 1698), aprì un’officina a Orange dopo aver compiuto studi classici e di apotecaria per poi trasferirsi nel 1646 a Parigi. Nel 1667, realizza la prima fabbricazione pubblica della teriaca, contravveleno (antidoto), molto in voga durante il XVII secolo. Pubblica l’anno successivo La Thériaque d’Andromachus [La teriaca di Andromaco].


Nel 1672, Antoine d’Aquin, intendente del Jardin du roi (Giardino del re), lo recluta per il posto di dimostratore di chimica per il giardino. Dietro consiglio di Aquin, pubblica nel 1676, una Pharmacopée royale galénique et chimique che ha grande successo ed è tradotta in numerose lingue tra cui il cinese.


Nel 1680, in seguito agli inizi della persecuzione che colpì i protestanti, Charas abbandonò la Francia soggiornò alcuni anni in Inghilterra dove ottenne un titolo di dottore in medicina, prima di raggiungere i Paesi Bassi nel 1683. Da qui, partì per la Spagna dove esercitò a Madrid. È denunciato all’Inquisizione nel 1686, ma è salvato dall’espulsione grazie al suo protettore, il diplomatico olandese. Parte allora in Galizia, dove è di nuovo denunciato nel 1688 ed arrestato. Finisce, dopo numerosi interrogatori, con il convertirsi al cattolicesimo ed è liberato nel 1689.


Ritorna allora in Olanda, poi in Francia di nuovo nel 1691 dove diventa membro dell’Accademia delle scienze nel 1692.


La sua pratica è ancora improntata al peso delle conoscenze del Medioevo e un po’ di alchimia. Si specializza soprattutto sulle vipere. Oltre alla loro utilizzazione nella preparazione della teriaca, si considerava alla sua epoca che la carne di questi animali fosse il miglior antidoto contro gli avvelenamenti causati da questa specie o da altre.


L’ignoranza intorno alla loro biologia ne faceva delle vere panacee. Charas pubblica nel 1669 Nouvelles expériences sur la vipère, les effets de son venin, et les remèdes exquis que les artistes peuvent tirer du corps de cet animal [Nuovi esperimenti sulla vipera, gli effetti del suo veleno ed i rimedi adatti che gli artisti possono trarre dai corpi di quest’animale], in cui studia la sua anatomia, la sua riproduzione e le sue abitudini e, anche se continua a propagare alcune credenze errate, fonda soprattutto una migliore conoscenza delle loro virtù terapeutiche.


Charas fu inoltre in opposizione con Francesco Redi a proposito della formazione del veleno, Charas affermava che la saliva dell’animale diventava tossica soltanto se quest’ultima era in collera, mentre Redi credeva che fosse costantemente tossica.

Condividi post

Repost 0
Published by Massimo - in Profili
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Storia della scienza medico farmacologica
  • Storia della scienza medico farmacologica
  • : Storia dell'arte medica e farmacologica di tutte le culture e tempi in relazione alle conoscenze tecniche e scientifiche delle rispettive epoche.
  • Contatti

Profilo

  • Massimo
  • Sempre alla ricerca di cose nuove da amalgamare con sapienza "alchemica" al già noto, organicamente, senza giustapposizioni.
  • Sempre alla ricerca di cose nuove da amalgamare con sapienza "alchemica" al già noto, organicamente, senza giustapposizioni.

Archivi

Pagine

Link