Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
21 novembre 2009 6 21 /11 /novembre /2009 10:00

 

Alambicco di laboratorio di rame ed ottone del XIX secolo

 

 

Un alambicco è uno strumento destinato alla separazione di prodotti attraverso il riscaldamento e poi il raffreddamento (distillazione). La parola proviene dall’arabo al 'inbïq esso stesso preso in prestito dal tardo greco ambix (vaso). Lo strumento era conosciuto comunque anche tra Egiziani e mesopotamici verso il 3500 a. C.


L’alambicco fu dapprima utilizzato per creare profumi, essenze o farmaci, prima di permettere la produzione di acquaviti per distillazione di succo di frutta fermentati.


Solitamente gli alambicchi sono composti di quattro parti:

1) Il corpo o caldaia o cucurbita in cui si trovano i liquidi da distillare, direttamente riscaldato con un fuoco o a bagnomaria;

2) il capitello che ricopre la caldaia ed è provvista da un tubo conico in cui si dirigono i vapori;

3) il collo di cigno, tubo che dirige i vapori verso il condensatore;

4) la serpentina o condensatore, tubo elicoidale sulle cui pareti si condensano i vapori.

Condividi post

Repost 0

commenti

Presentazione

  • : Storia della scienza medico farmacologica
  • Storia della scienza medico farmacologica
  • : Storia dell'arte medica e farmacologica di tutte le culture e tempi in relazione alle conoscenze tecniche e scientifiche delle rispettive epoche.
  • Contatti

Profilo

  • Massimo
  • Sempre alla ricerca di cose nuove da amalgamare con sapienza "alchemica" al già noto, organicamente, senza giustapposizioni.
  • Sempre alla ricerca di cose nuove da amalgamare con sapienza "alchemica" al già noto, organicamente, senza giustapposizioni.

Archivi

Pagine

Link